The Emmenthal Svizzero Report

Un Camper, Sei amici, un obbiettivo.

E’ Sabato notte quando partiamo… erano cinque anni buoni che non eravamo tutti assieme nell’originale formazione del Camper 2004: Io, Andrea, Marco, Samuele, Michele e Giacomo.

Obbiettivo del viaggio: far fare al nostro amico e futuro sposo Marco un’ultima bella zingarata tutti assieme, come ai vecchi tempi…destinazione Svizzera dunque!!!!!!

 

Il viaggio notturno é alquanto lungo cosicché nei pressi di Ivrea ci fermiamo in una landa desolata (e desolata e dire poo) e dormiamo lì; il mattino dopo ripartiamo e giungiamo nei pressi del Monte Bianco verso mezzogiorno.

Superato il traforo sbuchiamo in Francia e da lì, dopo non essere riusciti a eliminare fisicamente Andrea con una ardita manovra di Michele alla guida, ci dirigiamo rapidamente verso Ginevra, la nostra prima tappa svizzera; Città incantevole e alquanto trafficata, Ginevra ci accoglie abbastanza bene facendoci parcheggiare a un 2-3 Km dal centro, ma questo non ci scoraggia e di passo buono arriviamo in centro costeggiando il Lago omonimo…dopo un po decidiamo di partire e proseguire per la nostra seconda tappa, Berna dove ceneremo e pernotteremo.

Per il pernotto troviamo (non facilmente grazie al navigatore di Giacomo) un camping carino alle porte della città, per la cena rischiamo una clamorosa debacle causa la precisione SVIZZERA dei locali: se all’11 dicono che chiudono le cucine, chiudono le cucine, poche storie; dopo una serie di rimbalzi, troviamo asilo politico in un ristorante italiano dove mangiamo una patriottica (e anche buona) italica pizza, poi passeggiamo per il centro di Berna fino all’ora del rientro, domani ci attende un piccolo Tour de Force.

 

Il giorno dopo partiamo destinazione Rheinfall, ovvero le cascate del Reno, ma prima ci fermiamo in un paesino poco vicino Rheinau, paese di frontiera fra Svizzera e Germania dove si trova un Bel monastero che Andrea ci vuole mostrare…il posto é veramente carino e dall’atmosfera bucolica, ci rilassiamo un po e poi ripartiamo verso Rheinfall.

La visuale delle cascate é potente: un Muro d’acqua che cade da un’altezza non eccessiva (per intendersi Non é come il Niagara o la nostrana Cascata delle Marmore), ma impressiona assai ve l’assicuro….espletata la visita alle cascate, risaliamo in Camper e partiamo stavolta alla volta di Zurigo; trovato come sempre un ameno camping dove sostare, con l’aiuto dei potenti mezzi pubblici svizzeri raggiungiamo il centro per cenare (stavolta con largo anticipo siamo partiti memori dell’esperienza Bernese); la scelta cade sulla cucina tipica Svizzera e in particolare modo sulla Fonduta suggeritaci dal Buon Andrea: buona per carità, ma vi assicuro decisamente duro arrivare in fondo al tegamino della fonduta; rigiriamo un pò per il centro e poi via verso il camping a dormire un po.

 

Di Buon Mattino partiamo, destinazione Lucerna, ultima tappa del nostro Tour: Come le altre città anche questa ha un bel centro molto carino e pieno di gente, bello particolarmente il famoso Ponte Coperto che collega le due parti della città, tutto in legno.

Lasciato il camper nei pressi di un Multisala/Musei/Minigolf/qualsiasicosapensatelìc’é, ci riprendiamo il nostro bel pullmino e raggiungiamo il centro di Lucerna: ci prendiamo un bel drink, poi giriamo un po per la città, qualche acquisto per parenti e amici, un pò di pane perché il nostro s’era finito e torniamo al Camper dove realizziamo il nostro consueto pranzo finale con mega-pastata per ripulire frigo e dispensa.

Dopo il lauto pasto ripartiamo, destinazione casa.

Ci becchiamo un po di codone alla frontiera causa incidente/rientro dalla vacanze, passiamo indenni i controlli della dogana e ci dirigiamo verso Milano, dove molliamo Michele a casa sua (e io finalmente riesco a riconsegnarli le chiavi di riserva che mi aveva lasciato tipo L’ANNO SCORSO….lo so é da vergognarsi, ma quando non vedi mai uno può capitare anche questo credetemi), poi rimontiamo in sella e partiamo per la seconda tappa del rientro, ossia mollare Samuele e Giacomo a casa loro.

E’ quasi le due di notte quando finalmente sono a casa, saluto Marco e Andrea e mi incammino verso casa….

 

Alcune considerazioni:

– La Svizzera é molto più accogliente di quel che si crede;

– Se andate con Camper o tende, non vi preoccupate per muovervi nei centri: i servizi pubblici sono ben serviti e trovate facilmente le fermate vicino ai campeggi;

– Puoi fare il biglietto anche sopra i Bus se non sai come farli alle macchinette;

– Gli Euro sono accettati in quasi tutti  i posti e vi danno anche il resto in euro in franchi se volete;

– Il costo della vita almeno per quel che ho visto non é alto, contate che un Euro = 1,40 Franchi Svizzeri;

– In Svizzera ci sono tanti ma tanti GIOFANI e GIOFANE;

– Le autostrade sono più o meno al nostro livello e pure su quelle svizzere CI TROVI I CANTIERI;

– C’hanno la COOP pure in Svizzera e vende anche la BENZINA;

– Le banconote Svizzere sembrano riduzioni delle discoteche anni 90;

– Ci sono molte meno mucche di quello che si pensi;

– Sono molto diligenti per i rifiuti e il riciclo, ma ho trovato mozziconi di sigarette in terra pure qui….

– ….nonostante ci siano posaceneri perfino nei CESSI!!

Per il resto vi consiglio di fare un giro in Svizzera almeno una volta, per chi vuole vedere i posti che abbiamo visto sopra trovate la Gallery, mentre chi vuole lasciare un commento lo faccia pure qui.

BUONA VISIONE!!!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...