Addio Damiano Damiani

Damiano Damiani

 

Ieri sera si è spento a 91 anni Damiano Damiani, regista molto apprezzato nel genere politico-civile.

Damiani è conosciuto al grande pubblico per film come Il Giorno della Civetta (1968), Pizza Connection (1985) e per la leggendaria serie TV de La Piovra (1984) che consacrò definitivamente Michele Placido con il personaggio del Commissario Cattani.

(Franco Nero ne "Il Giorno della Civetta")

(Franco Nero ne “Il Giorno della Civetta”)

 

Ma Damiani in carriera ha confezionato molti altri film degni di essere visti e ricordati: da Quien Sabe? (1966) con Klaus Kinsky e Gian Maria Volontè o come il ben riuscito a mio giudizio Perché si Uccide un Magistrato (1976) o l’interessante Girolimoni il Mostro di Roma (1972) con un grande Nino Manfredi che racconta anticipando di decenni il cosiddetto sistema della “Macchina del Fango” mediatica o piegata a esigenze politiche riprendendo una nota vicenda di cronaca che successe negli anni all’apice della presa di potere assoluto da parte di Mussolini e nel pieno del “caso Matteotti” (e che vi invito a conoscere meglio nei dettagli QUI

Gian Maria Volontè in "Quien Sabe?")

Gian Maria Volontè in “Quien Sabe?”)

 

Damiani sperimentò anche altri generi come nel caso di Amityville Possession (noto anche come Amityville II – 1982) o come forse l’unico passo falso reale nella sua carriera, Alex l’Ariete (2000) con un imbarazzante Alberto Tomba nel ruolo del protagonista e una Michelle Hunziker (ancora non diventata fenomeno televisivo di successo) agli esordi della carriera.

 

(Michele Placido in una drammatica sequenza de "La Piovra")

(Michele Placido in una drammatica sequenza de “La Piovra”)

 

Damiani rimane comunque a mio giudizio un regista bravo e interessante, soprattutto nel genere drammatico-poliziesco, in quanto i suoi lavori non si limitano a creare situazioni per sparatorie o delitti ma vi è sempre rintracciabile una matrice “sociale” e di denuncia: Damiani mostra la radicazione della Mafia e della Camorra nella società e delle battaglie, spesso solitarie se non addirittura osteggiate da Uomini di Giustizia contro il malcostume e il radicamento di un “Cancro” che, anziché essere combattuto e debellato, spesso nel passato ma anche oggi, si preferisce mantenere in vita magari come fosse un “tumore benigno”.

Quindi consiglio la visione dei Film di Damiani e sarebbe bello che, nella settimana che precede l’annuale giornata contro le Mafie promosse da Libera, la TV e i cineclub dedicassero una retrospettiva alle sue opere.

 

(MIchele Placido in "PIzza Connection")

(MIchele Placido in “PIzza Connection”)

 

Damiano Damiani su Wikipedia

Qui potete trovare una serie di recensioni e editoriali molto interessanti dedicati da Paul Templar sul suo Blog FilmScoop

Damiano Damiani su FilmScoop

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...