Cara Nina….

(Foto © AFP & Divisione La Repubblica - 2013)

(Foto © AFP & Divisione La Repubblica – 2013)

Non ci conosciamo di persona e onestamente, non ci tengo molto, ma mi sono sentito in dovere di dirti qualcosa.

Potrai contestarmi “chi sei te per dirmi qualcosa?” , ma non m’interessa, te lo scrivo lo stesso.

Ti scrivo per dirti che con il tuo gesto, non solo non hai raggiunto il tuo scopo, ma hai perso contro tutto e tutti. Hai perso contro chi lavora onestamente a un progetto che è necessario per migliorare le nostre infrastrutture, che ha tutti i permessi, che ha visto già assorbire molte modifiche al progetto per venire proprio incontro alle popolazione della Val Di Susa, che dovrebbero lavoro come in un qualsiasi cantiere normale in Italia, senza dover essere difesi da schieramenti massicci di poliziotti perché minacciati, assaltati e insultati: ma la TAV si farà alla faccia tua e dei violenti che non la vogliono.

Hai perso nei confronti del rispetto delle donne: sei mancata di rispetto alla tua “collega” che ha subito (anche se ancora tutto da verificare, è giusto dirlo) un iniquo trattamento da agenti di forze dell’ordine a Roma, con il tuo atteggiamento da “sex worker”, come hai detto te; sei mancata di rispetto nei confronti delle migliaia di donne che subiscono violenza da persone che le considerano come oggetti o provocatrici; sei mancata di rispetto alle decine di migliaia di ragazze, spesso straniere e minorenni, che sono costrette a prostituirsi per alimentare la malavita, che di certo non si sono sentite “protette” e “rappresentate nella loro dignità” dal tuo gesto, ma profondamente insultate e umiliate; sei mancata di rispetto a tutte quelle donne che davvero lottano perché le donne siano rispettate, abbiano gli stessi diritti e non siano rappresentate come “oggetto sessuale”, “merce” , “persona a cui mancare di rispetto”.

Hai perso pensando di far provare disprezzo per le forze dell’ordine: loro sono lì “per fare il loro lavoro” … esatto; loro sono lì, anziché stare nelle strade, negli uffici, a dirigere il traffico e far rispettare la legge, perché ci sono persone come te che pensano sia giusto far valere i loro diritti con la violenza, con il danneggiamento, assaltando cantieri, banche, uffici, distruggendo e incendiando mezzi, assaltando nella notte come criminali, ferendo persone con razzi, sassi, bastoni e altro….togliete dalle strade persone che sarebbero utili per renderle più sicure per presidiare giorno e notte dei CANTIERI, una cosa che in un Paese civile non sarebbe permesso; Persone e agenti che affrontano ogni rischio per le loro famiglie, per convinzione che le leggi vanno rispettate e per uno stipendio che non ritengo all’altezza di quanto rischiano, persone come Luca Tanzi, che in Sardegna sono morte facendo il loro dovere, mentre il ciclone imperversava.

Nina, tu hai perso e con te hanno perso i Marco Bruno che danno della “pecorella”, i professionisti degli scontri, tutti i fautori della violenza come unico sistema, gli Erri De Luca che sostengono la violenza (e magari mandiamo a lui i conti dei danni che fanno, se ci tiene tanto a sostenere la causa) e tutti coloro che si oppongono a priori al cambiamento senza valide motivazioni.

Ha invece vinto ancora una volta la gente perbene, le persone che manifestano civilmente, quelle che sono disponibili al dialogo, che osservano le regole e rispettano le leggi, quelli che te e altri chiamate “pecorelle”…..Grazie Nina, perché ci hai dato un ulteriore motivo di comportarci ancora di più da persone perbene.

Magari un giorno crescerai e capirai anche te.

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...