La prima Rece non si scorda mai – Lo Hobbit 2: La Desolazione di Smaug

Nuovo appuntamento con la recensione cinematografica, fra feste e impegni diversi film visti, oggi vi parlo di un titolo che era molto atteso dai fan di Tolkien e dal pubblico cinematografico: il secondo capitolo dedicato a l’Hobbit, il prequel del Signore degli Anelli.

(La locandina ufficiale - Foto © Warner Bros 2013)

(La locandina ufficiale – Foto © Warner Bros 2013)

LA TRAMA – Il viaggio intrapeso da Thorin Scudodiquercia (Richard Armitage – Star Wars Episodio I, il ciclo de l’Hobbit e Captain America) e i suoi amici, con la compagnia del giovane Hobbit Bilbo Baggins (Martin Freeman – Il ciclo de l’Hobbit, Hot Fuzz, Guida Galattica per autostoppisti e la serie TV Sherlock) sembra essere ormai vicino alla meta finale. Erebor, ma le sorprese e le disavventure non sembrano essere ancora concluse, mentre Gandalf (Ian Mc Kellen – Last Action Hero, la Saga di X Men, la trilogia del Signore degli Anelli e il ciclo de l’Hobbit) il Grigio comincia intuire Chi sia dietro gli attacchi degli Orchi e il sentore di un’antica minaccia che sta forse tornando…. secondo capitolo cinematografico intermedio prima del gran finale dedicato da Peter Jackson (Fuori di Testa, Creature del Cielo e la Trilogia del Signore Degli Anelli) al libro Lo Hobbit, il Prequel di Tolkien al suo capolavoro Il Signore degli Anelli.

(Baggind/Freeman - Foto © Warner Bros 2013)

(Baggind/Freeman – Foto © Warner Bros 2013)

LA REGIA – Jackson ha un grandissimo pregio: aver reso realtà con la prima trilogia un libro considerato pietra miliare della letteratura fantastica e con un immaginifico immenso…con i tre film realizzati non solo ha ottenuto maree di riconoscimenti e premi (oltre ad incassi stratosferici, ovvio), ma ha riscritto molte regole cinematografica applicate dopo i suoi film per chiunque si voglia imbattere nel genere Fantasy cinematografico.

Con la trilogia de l’Hobbit Jackson ha lasciato immutata la sua macchina organizzativa e puntato tutto nello svolgimento e nel raccordare questi film alla trilogia precedente; l’operazione dunque è riuscita perfettamente?

Sì e No.

(Salve, io non esisto... Foto © Warner Bros 2013)

(Salve, io non esisto… Foto © Warner Bros 2013)

 

Mi spiego: al contrario del Signore degli Anelli, l’Hobbit è un libro decisamente più corto e breve, quindi sarebbe stato possibile ridurlo anche a un solo film, o due, come sostengono molti…allora perchè Jackson ne confeziona tre (con il terzo e ultimo che vedremo nel 2014)? Semplice, perchè ha pensato di mostrare al pubblico cinematografico in maniera più esplicita il legame con il primo, inserendo personaggi che, rispetto alla trama originale del libro, non sono presenti (come Legolas o Sauron, che nel libro non compaiono, specie Legolas) per far comprendere futuri possibili rimandi al Signore degli Anelli…scelta sensata?

(...e nemmeno Io, a voler essere Precisini della Fungia© -  Foto ©  Warner Bros 2013)

(…e nemmeno Io, a voler essere Precisini della Fungia© – Foto © Warner Bros 2013)

Ai fini del pubblico cinefilo e del business, dico di sì, chiaramente al cultore duro e puro di Tolkien la cosa stona immensamente, ovvio; come a molti è apparso insensato inventare di sana pianta il personaggio dell’elfa Tauriel (Evangeline Lilly – The Hurt Locker, Real Steel e la serie Tv Lost), che nel film mostra un sincero sentimento di attaccamento per Legolas (Orlando Bloom -Black Hawk Down, la trilogia del Signore degli Anelli e la saga Pirati Dei Caraibi), ma anche attrazione verso gli umani e gli altri abitantidella Terra di Mezzo, chiaramente un mezzo cinematografico per mostrare la convivenza fra razze diverse che non si fidano e non si stimano l’una dell’altra.

(Tutti sul Colorado Boat a Gardaland - Foto ©  Warner Bros 2013)

(Tutti sul Colorado Boat a Gardaland – Foto © Warner Bros 2013)

La Prima parte si snoda fra momenti di alta azione (forse a volte anche eccessiva, c’è una sequenza che è degna di un gioco Shoot em Up) a momenti morti, rende un pò confusionaria la trama; ma la seconda parte del film spacca veramente, specie quando entra in scena LUI, forse il momento più atteso dai fan di Tolkien e della saga cinematografica: Smaug. Il lavoro fatto con il drago Smaug è eccellente, mai nella storia cinematografica moderna si era visto una così perfetta resa grafica di un animale gigante come in questo caso: Smaug sembra realmente vivo, imponente, terrificante; credo calzi bene come metro di paragone l’effetto suscitato all’epoca dal drago protagonista di Dragonheart, film del 1996, con il Drago le cui movenze e voce erano date da Sean Connery; qui invece le movenze e la voce sono date nella versione originale da Benedict Cumberbacht (Star Trek: Into Darkness, War Horse e la serie TV Sherlock), sono anch’esse state magistralmente eseguite e hanno dato ancora più realtà al personaggio di Smaug (curiosità: Connery/Draco era doppiato da Proietti, qui voce di Gandalf…quando si dice la casualità…).

 

(...E poi arriva LUI.... e ne vale la pena, credetemi - Foto ©  Warner Bros 2013)

(…E poi arriva LUI…. e ne vale la pena, credetemi – Foto © Warner Bros 2013)

IL CAST – Decisamente di alto livello, i protagonisti già visti nel primo film si confermano tutti per l’ottima interpretazione, con Armitage che ha un ruolo di maggiore rilievo rispetto al primo film dove era un pò schiacciato dalla coppia Freeman/Mc Kellen; Buona la prestazione della Lilly nella parte di Tauriel, al suo esordio nella saga; da segnalare l’interpretazione di Lee Pace (The Good Shepherd, Lincoln) nel ruolo del Re Thrandull e di Luke Evans (Scontro tra Titani, Robin Hood e Fast And Furious 6) nel ruolo di Bard, che giocherà un ruolo chiave nelle vicende del gruppo di Thorin.

Bloom nel film a mio giudizio fa poco rispetto alla trama, confermando che la sua presenza è ai fini nettamente commerciali e cinematografici della saga e nient’altro.

(I fedeli compagni di Thorin - Foto ©  Warner Bros 2013)

(I fedeli compagni di Thorin – Foto © Warner Bros 2013)

LE DIFFERENZE CON IL LIBRO – Oltre alla già citata presenza di personaggi estranei alle vicende narrate (Legolas e Tauriel), sono stati apportati modifiche temporali per diversi situazioni, ma queste non stravolgono il racconto in maniera pesante, al contrario degli inserimenti di personaggi citati sopra. Altri piccoli dettagli secondari relativi a tempistiche e particolari di varie situazioni sono anch’essi poco influenti a stravolgere la versione letteraria;in sostanza si può dire che rispetto al primo film le modifiche sono più significative ma non cambiano la traccia del libro e il suo sviluppo.

IL DOPPIAGGIO – Nuovamente convincente la prestazione di Proietti/Gandalf, ottime anche le scelte di Vidale/Baggins, Pucci/Thorin e Borghetti/Bard; Bellissima la prestazione di Ward come Smaug, molto avvincente; Irriconoscibile e molto divertente Massimo Lopez nei panni del Governatore di Pontelagolungo.

In conclusione vi consiglio comunque di recuperarlo in DVD o di vederlo al cinema se lo trovate nelle sale, perchè se volete seguire la saga è utile sapere cosa accade, così come un fan del ciclo cinematografico e di Tolkien penso non possa fare a meno di vederlo, quindi BUONA VISIONE !!!

 

 

Annunci

3 Comments

  1. Ma la bellezza innegabile di Smaug basta da sola a giustificare il film? Compreso il cambiamento di carattere dei personaggi? Ho forti dubbi in proposito.

    • Se hai letto la recensione capisci i motivi di interesse di questo film (e anche alcune cose che non mi sono piaciute), in generale comunque Jackson ha fatto un ottimo lavoro pur dovendo applicare i tempi cinematografici a un libro e una saga decisamente molto articolata.

      Sicuramente la Trilogia degli Anelli è per trama superiore a Lo Hobbit, ma dal punto di vista del girato e delle soluzioni grafiche, Lo Hobbit batte Il Signore degli Anelli di molte spanne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...