La Prima Rece non si scorda Mai – Creed – Nato per Combattere

Nuovo appuntamento con la rece cinematografica, stavolta vi parlo del nuovo film di Stallone, incentrato su vicende legate alla saga di Rocky: Creed – Nato per Combattere

 

(Il Manifesto del Film - Foto © MGM/Warner Bros 2015)

(Il Manifesto del Film – Foto © MGM/Warner Bros 2015)

 

LA TRAMA – In un carcere minorile americano un ragazzino di nome Adonis Johnson riceve una visita inaspettata, di una donna che dice di aver conosciuto suo padre, che lui ha perso prima ancora che nascesse: Apollo Creed; la donna si rivela essere la moglie e vedova di Creed, Mary Anne (Phylicia Rashad – La serie TV I Robinson e i film Wiz e For Coloured Girls), che vuole adottarlo e farlo crescere in un ambiente migliore…. anni dopo vediamo Adonis (Michael B. Jordan – Hardball, Chronicle e l’imbarazzante Remake dei Fantastici Quattro) che, nonostante viva a casa Creed e abbia un buon lavoro, ama lottare alla Boxe come il padre, ma in Messico in incontri non ufficiali; scoperto da Mary Anne, gli racconta la verità: lui vuole seguire le orme del padre, cosa che la donna non approva.

 

Rocky/Stallone e Johnson/Jordan - Foto © MGM/Warner Bros 2015)

Rocky/Stallone e Johnson/Jordan – Foto © MGM/Warner Bros 2015)

 

Così lascia la casa di Mary Anne e decide di cercare di diventare un vero Boxeur, così va a Philadelphia, per cercare di convincere ad allenarlo da l’unica persona che ritiene in grado di farlo: il vecchio amico e rivale di suo padre, Rocky Balboa (Silvester Stallone – Le saghe di Rocky, Rambo e de I Mercenari) …. Interessante spin-off tratta dalla saga del pugile più famoso della storia del cinema, diretto dal giovane regista Ryan Coogler, al suo secondo lungometraggio.

(Foto © MGM/Warner Bros 2015)

(Foto © MGM/Warner Bros 2015)

 

LA REGIA – Coogler sotto la supervisione e produzione di Stallone, confeziona un film dove non mancano le citazioni alla saga di Balboa e nello specifico alla prima trilogia dedicata appunta alla sfida con Creed; Il film non attraversa momenti morti o buchi di sceneggiatura palesi, ma scorre bene, mostrandoci il percorso di crescita di Johnson/Creed da pugile grezzo a vero e proprio Boxeur di professione, oltre al coinvolgimento di Balboa, prima riluttante, poi emotivamente coinvolto nella sua formazione e crescita, quasi in un ideale passaggio di torcia fra lui e il giovane, che vede anche come occasione di riscatto per onorare la memoria di Apollo, di cui si sente ancora responsabile della morte sul Ring.

Ottima la fotografia di Maryse Alberti (Poison, L’Ultimo Inganno, Velvet Goldmine e The Wrestler), che ci regala le atmosfera di Philadelphia e dei luoghi della Boxe, delle sue palestre vissute e vitali, oltre che dei ring della grande Boxe Mondiale.

 

(Foto © MGM/Warner Bros 2015)

(Foto © MGM/Warner Bros 2015)

 

IL CAST – Bravo e convincente Jordan nel ruolo del figlio di Creed, combattuto fra diventare qualcuno senza usare il cognome del padre e la paura di non essere all’altezza di tale eredità; gigante Stallone nel portare sullo schermo un Balboa riflessivo, paterno ma al tempo stesso con una fiamma di lottare e sentire ancora l’odore del Ring che pareva spenta e invece arde ancora, riaccesa dall’apparizione di Johnson nella sua vita (e con questa interpretazione potrebbe anche arrivargli l’Oscar come Miglior Attore Non Protagonista, meritatamente aggiungo); Brava anche la Rashad nel ruolo di Mary Anne, madre che cerca di dare un futuro migliore a un figlio non suo, ma che non vuole che segua le orme del padre e del marito; menzione speciale a Tessa Thompson (le serie Veronica Mars e Copper, Film come Chiamata da uno Sconosciuto, Ballare per un Sogno e Selma), nel ruolo di Bianca, ragazza vicina di Johnson a Philadelphia, cantante e performer che aiuterà Johnson a inserirsi nella città e a lottare per realizzare il suo sogno.

 

(Johnson e Bianca - Foto © MGM/Warner Bros 2015)

(Johnson e Bianca – Foto © MGM/Warner Bros 2015)

 

 

IL LEGAME CON ROCKY – Pur essendo uno spin-off della saga (conclusa con il sesto film), è impossibile non sentirlo parte della storia di Balboa: se Rocky ha ormai appeso guantoni e stivaletti al chiodo, con Johnson sale ancora una volta idealmente sul Ring, per quello che ha tutta l’aria di “passaggio della Torcia”; Balboa sembra calarsi nei panni di quelli che furono del suo mentore, Mickey, mentre nel giovane Creed vediamo quasi l’incarnazione del giovane Balboa.

Non mancano momenti di citazione e omaggio alle prime tre pellicole (da Johnson che riguarda i match del padre con Balboa alle scene di allenamento con Rocky fino alla celeberrima scalinata di Philadelphia, quasi obbligatoria in ogni film della saga) e certi schemi che sembrano un tributo e la riproposizione delle dinamiche del primo film.

 

(Balboa/Stallone e Creed/Weathers - Foto © UnitedArtist 1976)

(Balboa/Stallone e Creed/Weathers – Foto © UnitedArtist 1976)

 

 

Se decidessero di far partire un nuovo filone con Creed da questo film, penso nessuno lo troverebbe scandaloso ma anzi molti apprezzerebbero un operazione non solo commerciale, ma personalmente mi piace immaginare che con questo si chiude il cerchio definitivamente del personaggio di Rocky e del suo universo.

IL MESSAGGIO FINALE – E’ sicuramente il messaggio di non aver paura di perdere, se ci metti tutta la tua forza di volontà e di combattere fino all’ultimo, il messaggio di questo film: Anche quando sembra che tutti i pronostici siano a tuo sfavore, l’importante è lottare fino all’ultimo, dimostrando che non sei arrivato dove sei arrivato per fortuna o per caso.

In conclusione?

Non uscirete delusi dalla sala, Creed é un film girato molto bene, con un buon cast e una storia che vi faranno volare le due ore di film in sala e uscire anche con qualche lacrimuccia (ci sono un paio di scene che mi hanno dato il magone, non lo nego), che rivedrete con piacere nel vostro salotto di casa in DVD e Blu Ray, da soli o in compagnia, BUONA VISIONE !!!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...