Tomas Milian non era solo il Monnezza….

(Foto © aventi diritto)

Non ho potuto scrivere subito questo pezzo appena saputo della sua morte, per impegni e cose personali, ma lo faccio ora.

Tomas Milian non era solo Nico Giraldi, come la stragrande maggioranza delle persone lo ha ricordato e omaggiato, non era solo le pizze in faccia a Bombolo, le massime in romanesco (con la voce di quel sacramento del doppiaggio che è stato Ferruccio Amendola), gli inseguimenti assurdi, il topo domestico Serpico.

 

Milian è stato un attore di poliedrico e straordinario talento per OGNI genere di ruolo: ha lavorato con registi come Lattuada, Visconti, Pasolini, in ruoli drammatici e seri, poi con Sollima e Fulci entra nel genere Western, esplorando anche il filone messicano con film diventati cult (Tepepa, Vamos a Matar Companeros), per poi muovere i passi nel poliziottesco, da quello serio (Banditi a Milano di Lizzani, La Banda del Gobbo e Milano Odia: la Polizia non può sparare di Lenzi), fino ad entrare nel successo popolare e diventare ancora oggi icona del cinema “trash” con il ruolo di Nico Giraldi nella saga di film girati da Corbucci, quasi un manifesto del film d’azione all’italiana degli anni fine 70- primi 80, con una chiave comica che si inseriva nel filone serio del poliziottesco vecchio stile.

Il successo di Milian è dato anche da un personaggio scritto in modo semplice ma efficace, ottimi comprimari (il mitico caratterista Franco “Bombolo” Lechner, Enzo Cannavale) e la regia di Corbucci, fanno ancora oggi ottimo share nei suoi passaggi televisivi, a dimostrare come Girardi/Milian sia entrato nel cuore degli italiani cresciuti in quegli anni.

Ma come dicevo, Milian è stato un’attore a tutto tondo, che come detto in Italia, ha collaborato con registi di fama, ma anche nella sua fase finale della carriera, ha collezionato presenze importanti con registi internazionali come Stone (JFK), Spielberg (Amistad), Gray (The Yard), Soderbergh (Traffic), per citarne alcuni.

Milian se n’è andato serenamente, dopo una carriera lunga e laboriosa, lasciandoci molti ruoli e personaggi che ci rimarranno nel cuore… cogliete questa dipartita per scoprire magari un Milian inedito a voi, per vedere i suoi film meno noti, scoprire piccole perle e storie incredibili (tipo su Tepepa o Vamos a Matar Companeros).

Vamos a Matar, Tomas

Annunci

3 Comments

  1. Recentemente, ho visto Tomas Milian nel film di Lucidi, La vittima designata, ove l’attore offre una superba prova professionale (anche di voce, dato che effettua da sé il doppiaggio). Raccomando questo film a tutti gli amanti del genere thriller e a tutti coloro che hanno la curiosità di approfondire il percorso cinematografico di Milian.
    Complimenti per il pensiero e per l’articolo.

  2. Tranquillo, io sono ancora più in ritardo di te con l’omaggio a Milian, dici bene, una filmografia piena di personaggi che ha saputo rendere mitici, un ottimo attore che non si è mai curato di distinguere tra cinema alto e basso. Mi mancherà. Cheers!

  3. Solo per gli ignoranti i faciloni Tomas Milian era identificato nel er Monnezza.
    Come hai elencato tu era un attore poliedrico a tutto tondo e bravo.
    Sherabientot

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...