Il Giorno del Ricordo non vi ha insegnato Nulla

(Logo 2015 – ©Ass. Naz. Venezia, Giulia e Dalmazia)

Niente, il Giorno della Memoria e quello del Ricordo a voi non serve a nulla.

Nel 2018, di fronte a politici di destra che inneggiano alla “pulizia degli stranieri, strada per strada” , di fronte al crescente fenomeno mediatico dello spazio che movimenti xenofobi e neofascisti prendono, di fronte a dirette conseguenze come folli che, incitati dalla campagna elettorale e dal clima di odio creato dalla politica, arrivano a compiere quasi una strage, nei confronti di stranieri estranei a vicende criminali, appare evidente che, per queste persone, ricordare la Shoah o la vicenda delle Foibe, è inutile.

(Una foto del Mausoleo della Foiba di Basovizza)

E’ inutile che a destra ogni 10 Febbraio si stracci le vesti per le vittime degli eccidi ad opera delle forze titine (conseguenza sia della precedente repressione slava nelle zone occupate militarmente dall’Italia nel secondo conflitto mondiale e in quelle di Friuli, Venezia Giulia e Istria-Dalmazia dopo la prima guerra mondiale, sia delle mire espansioniste di Tito e del nazionalismo serbo nella zona), quando poi, con le campagne di odio verso chiunque non sia “di razza bianca” dimostrano non aver imparato nulla su come l’odio etnico sia stato la prima causa principale (più della connotazione politica, tanto che nelle Foibe finirono anche italiani non allineati col fascismo, persino elementi partigiani vicini al PCI furono infoibati) di quelle vicende che ricordiamo il 10 Febbraio.

(Striscione neofascista a sostegno di Traini – Foto © ANSA.it 2018)

E’ inutile che si continui a non voler accettare una linea storica ampia e partecipata, che capisca a fondo le cause di questa pagina storica (come dimostra la vicenda della targa dedicata al Giorno del Ricordo a Pistoia), ma si preferisce continuare la retorica su cui la destra ha cercato, dall’istituzione della giornata nel 2004, a farne un “proprio” giorno di memoria, nonostante dovrebbe invece essere un giorno di memoria per TUTTI. 

E’ inutile anche a sinistra, se persino, nella marea pacifica e civile che ha attraversato Macerata oggi (nonostante l’iniziale divieto a TUTTE le manifestazioni che era stato redatto, poi ritirato, e nonostante le paventate – e non accadute a Macerata, ma accadute altrove purtroppo – di guerriglia urbana e città messa a ferro e fuoco), esiste ancora una minoranza stupida e incivile che non trova di meglio da fare che esaltare la figura di Tito, insultare la memoria delle vittime e farlo passare come un “giusto” atto di vendetta degli slavi sul regime fascista.

 

(Striscione inneggiante a Tito apparso a Modena davanti a un circolo di estrema destra – Foto © ANSA.it 2018)

 

Le Foibe sono state una pagina triste e orribile, in cui ha pagare, principalmente, sono stati civili, statali, insegnanti, membri delle forze dell’ordine e, in diversi casi, pure partigiani contrari alle azioni titine, mentre chi commise, durante il ventennio e nella guerra, crimini contro la popolazione slovena, croato e slava (dai vertici del governo alle cariche militari del regime fascista), niente pagò di quello che sarebbe giusto.

Il nostro Paese sembra, in questo momento, governato solo da un costante Inno all’Odio, come se odiare fosse l’unica soluzione possibile per “salvare” questo Paese.

Come se, ad esempio, a uccidere una povera ragazza non è stato chi non ha saputo farla uscire dal tunnel della tossicodipendenza e delle amicizie sbagliate, come se non sarebbe morta se si fosse drogata e andata in overdose, stando SOLO con Italiani; Come se furti, rapine, omicidi e stupri, senza presenza di stranieri, magicamente sparissero.

Questo giorno di memoria, come quello della Shoah, deve essere invece lo spunto per capire, definitivamente, che lo “straniero” (come furono trattati in Italia ad esempio gli esuli giuliano-dalmati dai loro stessi connazionali) non porta necessariamente solo problemi e pericoli, ma che è un’arricchimento culturale e anche economico, per una nazione; che perseguitare, incitare all’odio e arrivare anche alla violenza fisica (ieri verso gli italiani in Istria e Dalmazia, oggi noi con gli stranieri) verso chi non è nato nel nostro paese, non risolve NULLA, si tratta solo di aggiungere problemi a quelli che già abbiamo, legittimiamo solo violenza gratuita di cui beneficiano solo i politici (come quelli che, sulla paura sociale, ci hanno costruito carriere intere) che aizzano questi fuochi, dimenticando, come la Storia insegna, che un domani, potrebbe (ri)capitare a Noi….

1 Comment

  1. La deriva è davvero molto preoccupante. Ormai lo sport preferito è cavalcare odio, rancore, invidia, quando andrebbero trasmessi messaggi costruttivi di impegno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.