La Prima Rece non si scorda Mai – Star Wars Episodio: l’Ascesa di Skywalker

 

(Il Manifesto del film – Foto © Walt Disney Studios/Lucas Film – 2019)

Nuovo appuntamento con la Rece cinematografica, oggi vi parlo dell’ultimo capitolo della Trilogia finale di Star Wars: l’Ascesa di Skywalker.

 

LA TRAMA – Nello spazio rieccheggia una voce sinistra: l’Imperatore Palpatine (Ian McDiarmid – La Saga di Star Wars, Gorky Park, Restoration) sarebbe incredibilmente vivo e pare sia in combutta con il Primo Ordine, ora guidato da Kylo Ren (Adam Driver – La saga di Star wars, La truffa dei Logan, I Morti non Muoiono).

La Resistenza, guidata dal Generale Leia Organa (Carrie Fisher – La Saga di Star Wars, The Blues Brothers), cerca di correre ai ripari, cercando di organizzare un’attacco a sorpresa, mentre Rey (Daisy Ridley – La Saga di Star Wars, il Remake di Assassinio sull’Orient Express), Finn (John Boyega – La Saga di Star Wars, Pacific Rim Uprising, Detroit) e Poe (Osca Isaac – La Saga di Star Wars, Agorà, EX-Machina) partono alla ricerca di un’oggetto che potrebbe aiutarli in questa impresa, Ma Kylo Ren e i suoi Cavalieri di Ren sono sulle loro tracce… J.J Abrams (Mission Impossible III, la nuova Saga di Star Trek, Star Wars Episodio VII) torna alla regia per il capitolo finale della nuova trilogia dell’universo Star Wars.

(Driver/Kylo e Ridley/rey – Foto © Walt Disney Studios/Lucas Film – 2019)

 

LA REGIA –  Abrams è un’ottimo regista di film d’azione, è capace di strizzare l’occhio allo spettatore con un sacco di citazioni nei suoi film (Episodio VII ne aveva numerose), ha diretto sequenze d’azione entrate nella storia del cinema odierno.

Il problema è che in Episodio IX Abrams sembra aver passato la maggior parte del film a resettare tutto quello fatto da Johnson in Episodio VIII, per cui la maggior parte del film sembra uno spiegone che si può riassumere in “Episodio VIII non è servito a nulla, ora mi tocca sistemare tutto quanto a me”.

Ci riesce? Ni. Per carità ci sono due-tre sequenze graficamente potenti, alcune scene d’azione stile Abrams che vi piaceranno, ma sembra mancare davvero una trama lineare, sembrano tanti episodi sconnessi attaccati l’uno all’altro le sequenze del film, i personaggi compiono o fanno ribaltamenti di caratterizzazione a 360° senza logica, ci sono alcuni personaggi che sembrano svilupparsi per cose, poi spariscono. senza senso.

La fotografia di Daniel Mindel (la nuova Saga di Star Trek, Mission Impossible III, Pacific Rim Uprising) è stupenda, i paesaggi e i dettagli dell’Universo Star Wars pure (non entro nei dettagli per evitarvi spoiler in questo punto), ma sembra un bel vestito su una persona invece un po grezza e non elegante, in certi punti.

(Rey con Finn e Poe – Foto © Walt Disney Studios/Lucas Film – 2019)

 

IL CAST – Driver è sicuramente quello che in questo film spicca maggiormente nel cast, il suo personaggio è probabilmente uno dei pochissimi che ha avuto uno sviluppo enorme nella trilogia e in questo film (e sul finale, discuteremo più avanti).

La Ridley, che pure mi è piaciuta nei due capitoli precedenti, che trovo sia stata brava nel ruolo di Rey, ha dovuto subire il peso di un personaggio che ha cambiato, nel giro di due film, probabilmente quello che era il suo percorso iniziale previsto, per subire i cambi di regia dei due registi.

Mi spiace enormemente che, l’ultima apparizione in un film della Fisher, sia stata questa pellicola: per quello che ha dato alla saga, forse, qui lo dico, era il caso di trovare una scusa per congedarla a inizio film in maniera più elegante e degna, di come hanno fatto qui.

I personaggi di Boyega e Isaac hanno assurto in parte il ruolo di spalle comiche e parafrasando i Gdr, quelli che nel Party mandi a fare le Quest secondarie un po inutili o suicide, per dargli un ruolo da protagonisti almeno una volta, nel corso della giocata.. ecco, più o meno, ho provato la stessa sensazione guardando il film.

Il resto del cast, mi spiace dirlo, è abbastanza dimenticabile, sembrano fondamentalmente messi di contorno agli altri, nessuno spicca, nemmeno fra alcuni dei personaggi che, come detto, sembrano avere uno sviluppo e poi, di botto, lo sviluppo viene frenato.

(Leia/Fisher – Foto © Walt Disney Studios/Lucas Film – 2019)

 

E IO, FAN, CHE NE PENSO? – E fino a qui avete letto la mia classica recensione, ma adesso, da fan della saga dai tempi dei tempi, che si è visto tutti i nove film, le serie animate, che conosce anche (parte) dell’immenso universo fumettistico e librario sulla saga, come ne sono uscito, dalla sala?

La mia prima reazione di getto, sarebbe stata una cosa così:

 

 

(Le parole di Obi Wan sono calzanti, direi)

A freddo, posso dare un’opinione un po più articolata, ma attenzione che potrebbero scappare degli Spoiler, da qui in poi.

 

(dite si legge che è SPOILER?)

Che Abrams non abbia digerito l’esser scaricato dalla trilogia e che Johnson gli abbia scombinato gran parte delle sue idee (Snoke su tutto, ucciso senza motivo valido e senza uno straccio di spiegazione logica in Episodio VIII), ha portato all’assurdità di riportare in vita Palpatine (e a tutto il corollario di Whataffuck di spiegazioni legate ad esso, oltre alla cosa della Flotta (!) nascosta per decenni sul Pianeta natale dei Sith.

Ma la cosa più assurda è stato far diventare Rey NIPOTE di Palpatine. L’erede dello spirito Jedi, allenata da Luke Skywalker, nel film il cui sottotitolo è “l’ASCESA degli Skywalker”.

Nipote del principale antagonista della Forza. colui che è dietro la morte della Madre di Luke e Leia e del passaggio al Lato Oscuro del Padre di entrambi.

La NIPOTE.

E sorvoliamo sull’INUTILITA’ dei Cavalieri di Ren, siamo ai livelli della Compagnia Dorata nella stagione finale del Trono di Spade, praticamente.

E la povera Fisher utilizzata con filmati di riciclo e battute standard? mi è sembrata una scena come questa:

 

(Sei Licenziato! e con Buona Ragione!)

O il finale dato a Rey e Kylo, dato per accontentare una fanbase che li shippati dall’inizio della Trilogia?

Il problema di fondo è che tutto sommato, mi ha anche divertito, di base, il Film, con le sequenze d’azione coinvolgenti, con le atmosfere dell’Universo di Star Wars, ma credo che abbiano chiuso malamente una intera saga.

E non è gridando “con Lucas era meglio e non sarebbe successo” (e vi siete dimenticati gli Ewoks, Jar Jar Binks e altre “geniali trovate” di Lucas, dunque?) che vi sfogherete, o giustificando o definendo “capolavori” questi ultimi due film.

Sono apprezzabili, alla fine, Episodio VIII e IX, ma non è come mi aspettavo finisse la storia iniziata tanti anni fa, in una Galassia lontana lontana…. Rogue One è al momento, insieme alla Trilogia originale e Episodio II e Episodio VII, la roba migliore uscita legata a Star Wars.

**** FINE SPOILER ****

In conclusione? se volete vedere la fine della Saga di Star Wars, dovete comunque vederlo, al cinema o in Blu Ray, a mio giudizio; se amate enormemente la saga, pure, anche se avrete da storcere il naso, probabilmente, per molte cose che non vi torneranno; se invece volete vedere un prodotto davvero vicino all’anima di Star Wars, aspettate The Mandalorian ad anno nuovo su Disney+, sarete soddisfatti dell’attesa, credetemi.

BUONA VISIONE!!!

 

Se volete opinioni molto argomentate sui vari difetti del film, vi lascio alla Recensione di Victorlazlo88 e alla discussione molto animata e sentita andata su Facce di Nerd di Matiosky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.