ZeroCalcare a Peccioli: Senza Santi, Senza Eroi

(Foto © ZeroCalcare/Fondazione PeccioliPer/Comune di Peccioli – 2020)

ZeroCalcare è senza dubbio uno dei nomi più noti nell’ambito della nuova generazione di fumettisti italiani, specie sui social e sul Web.

I suoi “disegnetti”, le sue storie, i dialoghi surreali con l’Armadillo, Secco, l’amico Cinghiale, la mamma Lady Cocca e molti altri, con cui analizza i fatti di cronaca e vita reale di oggi, sono entrati di prepotenza nelle fumetterie e librerie italiane, con le sue storie che hanno macinato numeri e riconoscimenti fra pubblico e critica.

Seguo Michele Reich (aretino di nascita, ma romano – di Rebibbia, come afferma sempre orgogliosamente – di residenza e vita) dai tempi del suo blog e poi sui social, ho amato le sue storie e ho sempre acquistato, con molta soddisfazione, le sue Storie, ad ogni uscita.

Vidi lo scorso anno la bella mostra al MAXXI di Roma, la prima antologica dedicata a tutta la sua carriera (allestimento stupendo, tra l’altro) e ho avuto piacere di vedere anche lo spettacolo tratto dal suo Kobane Calling lo scorso anno (al Teatro Pacini di Fucecchio, vi potete rileggere QUI il racconto di quella serata), potevo perdermi l’occasione di una sua mostra speciale a Peccioli, a meno di mezz’ora da casa mia? ovviamente No.

ZeroCalcare: Senza Santi Senza Eroi doveva essere inaugurata a Marzo in occasione della seconda edizione di Pensavo Peccioli, ma poi la Pandemia ha annullato (e rinviato in autunno a data da definirsi) la manifestazione, ma si è deciso di far partire la mostra, inaugurata lo scorso 29 Maggio.

La mostra, oltre a raccogliere una vasta fetta della produzione di ZeroCalcare (Tavole originali, Manifesti, illustrazioni, realizzate negli anni per festival, fiere, Giornali e riviste), è arricchita anche dalle “icone” dei personali “santi ed eroi” del disegnatore: Da Gaetano Bresci a Kurt Cobain, dal T-Rex a Joe Strummer, fino a personaggi meno noti della Storia contemporanea, ma ricchi di significati e valori per la loro aver lottato contro le ingiustizie, i regimi totalitari, per aver difeso i diritti umani e civili.

I lavori di ZeroCalcare aiutano a capire come per l’autore, i diritti civili, le lotte sociali, la Memoria storica e i valori di Libertà, Eguaglianza e Diritti siano importanti, non siano negoziabili al ribasso e come, nel quotidiano, si debba lottare ogni singolo giorno per difendere quelli già acquisiti e per farne valere di nuovi e importanti.

Da venerdì 29 maggio a domenica 20 settembre 2020

Museo di Palazzo Pretorio

Piazza del Popolo, 5 – Peccioli (PI)

Ingresso libero

Orari

Martedì 10-13

Mercoledì 10-13 e 15-19

Giovedì 10-13

Venerdì 10-13 e 15-19

Sabato 10-13 e 15-19

Domenica 10-13 e 15-19

Per informazioni:

Fondazione Peccioli per l’Arte

info@fondarte.peccioli.net | 0587 672158 | 0587 936423 

Se avete occasione e siete in Toscana, se amate il lavoro di ZeroCalcare, non perdete occasione di vedere questa Mostra, molto ben curata, interessante e che, sia che vi siate avvicinati da poco ai fumetti di Calcare, sia che siate fan di lunga data, vi aiuterà a capire il lavoro, il pensiero e il messaggio dei “disegnetti” del nostro disegnatore.

Visitare la Mostra è anche occasione per visitare Peccioli, la “capitale” della Valdera, piccolo borgo pisano che, grazie anche ai buoni investimenti fatti dal comune e dalla Fondazione legata al vicino impianto della Belvedere di stoccaggio e riciclo dei rifiuti (uno degli impianti più virtuosi ed efficienti in Italia e Europa, innovativo nel settore), ha reinvestito in recupero ambientale, artistico e culturale della zona, con un centro storico rivitalizzato da eventi, mostre e installazioni artistiche moderne (eventi come 11 Lune a Peccioli o il Tuscania Festival, ad esempio, attirano persone da tutta la Toscana e non solo, con i loro programmi).

All’interno della stessa Mostra di ZeroCalcare, a Palazzo Pretorio potete visitare una suggestiva raccolta di Icone ortodosse (della Collezione Belvedere) del periodo fra l’800 e il 900, una raccolta unica nel suo genere; sono interessanti anche il Museo Archeologico e quello di Arte Sacra, piccoli ma ricchi di reperti di pregio.

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.