Rimirando le Stelle a Le Rinascenze a Villa Reale

(Foto © Le Rinascenze/Villa Reale di Marlia – 2020)

Seguire dopo tanto tempo di stop forzato a causa della Pandemia, una serata-evento come Le Rinascenze by Night alla Villa Reale di Marlia (LU), andata in scena il 10 Agosto, è stato davvero piacevole.

 

Tanti piccoli eventi per una Grande Serata

 

Gli angoli più suggestivi del Parco della Villa Reale si sono riempiti di piccoli grandi spettacoli, che hanno animato, dal tramonto fino a quasi la mezzanotte, queste splendide cornici di natura e Arte. 

I figuranti del Laboratorio Brunier hanno riportato le atmosfere dell’800 alla Grotta di Pan, con arie di Opera cantate e spiegazioni sugli usi e costumi dell’epoca, girando per i viali della Villa in carrozza.

(Figuranti Storici alla Grotta di Pan)

 

O con gli spettacoli di Giocoleria ed equilibrismo delle Aerial Queen, che hanno affascinato adulti e bambini con le loro performance al Giardino Spagnolo.

O come non vedere il fascino che provoca in grandi e piccini lo spettacolo delle bolle e luci di D’Artagnan il Mago delle Bolle, nel Giardino dei Limoni.

Per non parlare dei tanti altri eventi che hanno animato zone come il Teatro di Verzura, la Palazzina dell’Orologio e molti altri luoghi.

(L’esibizione delle Aerial Queen)

 

O le mostre con le opere di artisti e fotografi, ospitate alla Limonaia Nord e Sud, o le installazioni sonore e scultoree disseminate nel Giardino, il tutto, con le illuminazioni suggestive che animano la Villa Reale.

Tante persone partecipanti, ma in numeri contenuti, per rispetto delle Norme di contenimento della Pandemia, con il personale che ha invitato, nel corso della serata, a rispettare le regole per vivere la serata in tutta sicurezza.

 

(Lo spettacolo delle Bolle di d’Artagnan)

 

Un gran lavoro che ha visti coinvolti, oltre alla Proprietà di Villa Reale, Le Rinascenze (che danno il nome anche all’evento) e Kreativa – d’Arte & Dintorni, tutte realtà molto attive sul territorio lucchese.

 

 

Villa Reale, un Gioiello tornata a nuova Vita (e al Pubblico)

La Villa Reale di Marlia vanta una storia che inizia alla fine del Ix° secolo, con un fortilizio longobardo del Duca di Tuscia, passa in varie mani, conosce le prime grandi trasformazioni con la Famiglia Avvocati e poi con i Buonvisi; nel 1629, con il fallimento della azienda di famiglia, le proprietà vengono svendute, Marlia viene comprata dagli Orsetti, che trasformano in maniera radicale la Villa e il suo grande giardino.

Nel 1800, con l’epopea napoleonica, Lucca e il Nord Italia finiscono nelle mani di Elisa Bonaparte, neo-Regina d’Etruria, che trasforma Marlia nella sua personale residenza, che diventa, anche nel nome, la Villa Reale che conosciamo; caduto Napoleone e l’Impero, la Bonaparte è costretta alla fuga, mentre la Villa passa ai Borboni di Lucca e poi al Granducato di Toscana, fino all’annessione della Toscana al Regno d’Italia, che assegna Marlia ai Borbone di Capua.

Nel 1923, Villa Reale viene comprata dai dalla famiglia romana dei Pecci-Blunt, che apporta le ultime modifiche recenti alla proprietà, con interventi come la Piscina, il Campo da Tennis e la ricca collezione di libri, cartolari e altre preziose testimonianze di Papa Leone XIII (al secolo Giovanni Pecci).

Nel 2015, i Pecci-Blunt vendono all’attuale proprietà la Villa e il suo Giardino, che gli stessi, dopo un lungo e curato restauro, aprono al pubblico nel 2018 il Giardino, restaurato e tornato a nuovo splendore (nonostante una tremenda tempesta nel 2015 avesse abbattuto e danneggiato numerosi alberi secolari), mentre nel Marzo 2020 riapre al pubblico anche la Villa Reale, tornata al suo splendore con un restauro curato e dettagliato, tutti importanti traguardi realizzati dalla nuova gestione della Villa Reale di Marlia.

(Spettacolo di Luci alla Fontana di Villa Reale)

 

Se siete in Toscana e in particolare nella Lucchesia, una visita per me obbligatoria e consigliata è a questo Gioiello, alle pendici dei primi monti della Garfagnana, alle porte di Lucca, immerso in un giardino splendido e rilassante, con una splendida varietà di piante e fiori e strutture artistiche e monumentali di pregio.

Foto © Enrico Bertelli “Taigermen” – 2020

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.