Prima di Bruce, era Sonny a terrorizzare l’Occidente con il suo Urlo

le mie serate adolescenziali, quando non uscivo con gli amici, in un epoca dove erano ancora in pochissimi ad avere internet e pc a casa, le mie trascorrevano a cercare film o roba interessante sulle tv locali.

Fra queste, Europa 7 e altre trasmettevano, a rotazione continua, diverse chicche di cinema di genere italiane e straniere; fra questi generi, c’erano gli Hong Kong Movies, quel buon “cinema di menare” che arrivava dalla oggi ex colonia inglese, con doppiaggi improbabili, titoli altisonanti e mazzate a profusione.

Oltre agli ormai classici e intramontabili film di Bruce Lee, c’erano i film con altri idoli del genere, da Samo Hung a Jackie Chan, tra questi una sera, beccai “I Due che spezzarono il Racket” (noto ai più come Sister Street Fighter), dove, nel cast, compariva, in un ruolo minore, un attore che ha fatto grande, assieme a Bruce Lee, il genere di arti marziali: Sonny Chiba.

Giapponese, Chiba ha saputo rendersi protagonista del genere marziale prima dell’avvento della Leggenda di Bruce Lee (scoprii anni più tardi che il film in cui l’avevo visto – e in cui, pensa, mi era sembrato imitare Bruce, nella mia ignoranza – era uno spin-off di una saga di cui Chiba era assoluto protagonista) con uno sguardo e una espressività unica, capace di calamitare gli spettatori.

(Chiba in “Sister Street Fighter – Foto © Youtube)

Ma seppe essere anche poliedrico: dagli esordi nei film e serie a tema fantascientifico, poliziesco o drammatico (va ricordato il suo ruolo, ad esempio ne l’Astronave Fantasma agli esordi – nota nel mondo come Invasion Of The Neptune Men – o il film ispirato alla popolare saga fumettistica di Golgo 13); fra gli 80 e 90 non c’è serie o film tv dove Chiba non compaia.

Riscoprire negli anni successivi i suoi ruoli, i suoi film, quanto sia stato importante per il cinema di genere giapponese e con quanti professionisti abbia collaborato nella sua vita, è stato un grande piacere ed onore, per un attore poco conosciuto da noi, ma che meriterebbe invece la stessa conoscenza e stima avuta da Bruce ed altri maestri marziali nel cinema qua in Italia.

La riscoperta di Chiba sul grande schermo arriva grazie prima al secondo capitolo di Battle Royale e poi, grazie a Tarantino, da sempre innamorato dei film e dei ruoli di Chiba, che lo vuole nel primo capitolo di Kill Bill, dove reinterpreta, a modo suo, uno dei ruoli leggendari di Chiba, quello di Hattori Hanzo (e che gli mette a fianco, un altro veterano del calibro di Kenji Oba (attore e stuntmen giapponese dalla carriera decennale).

(Chiba in Kill Bill – Foto © MIramax/A Band Apart – 2003)

Purtroppo l’età e la Pandemia ti hanno colpito e portato via, ma rimarranno le tue interpretazioni e tutti i film e le serie dove ti abbiamo conosciuto ed amato.

Buon Viaggio Sonny

3 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.