GRV Racconto d’Estate: Ho visto più tradimenti a Vaniria che Governi tecnici in Italia

Ai primi di Agosto, dopo più di due anni dall’ultimo Live massivo (e poco più di un anno dall’ultimo Live One Day), sono finalmente tornato a fotografare e immergermi dal vivo in un GDR Live su più giornate.

L’occasione me l’ha data “Racconto d’Estate: L’Ombra del Nemico”, primo capitolo 2021 della campagna GDR di GRV Italia, fra le associazione più longeve fra quelle attive nel panorama italiano.

Benvenut* a Vaniria

La Campagna si svolge nel mondo di Vaniria, dove popoli di vari ragioni si alleano, si affrontano e si confrontano per il destino di questo Mondo.

Attualmente, nel mondo di Vaniria è in corso un conflitto fra le Regioni dell’Alleanza e quelle della Lega, che sono a caccia di nuovi alleati per ribaltare le sorti dello scontro a loro favore.

E questo che porta le delegazioni delle due fazioni nella località immaginaria dove si è svolta l’evento, le Paludi di Manteia, dove cercheranno di convincere gli Indovini che vegliano su questa Regione a schierare loro e l’enorme potere celato dalle Paludi a schierarsi da una delle due parti.

Ci sono in Vaniria regioni, popoli e costumi di ogni genere, che mi ha reso anche, a colpo d’occhio, molto interessante e variegata la galleria dei giocatori al Live.

(le risse sono sempre un buon modo per fare amicizia)

Nel mondo di Vaniria puoi incontrare amazzoni guerriere, sciamani, popolazioni del deserto, o dalle connotazioni vichinghe e barbare, oppure dai costumi che evocano lontane terre d’Oriente; oppure puoi trovare entità mezzi uomini e mezzi animali, schiere di oscuri assassini; il tutto condito fra civiltà che vivono ancora di riti arcani e ucronie tecnologiche che mischiano magia e scienza.

O folli rivoluzionari che sembrano appena usciti dalla Rivoluzione d’Ottobre pronti a far saltare reali a colpi di dinamite (che ho adorato subito).

Il Nemico del mio Nemico è il mio miglior Amico (finché mi fa comodo)

Sono state quattro giornate intense di scontri, trattative più o meno segrete, Quest secondarie, con i giocatori che fondamentalmente, passavano il tempo a cercare di salvare la pellaccia.

Considerati ostili e “elementi estranei” a Manteia, la Palude ha dato il meglio di se per rendere difficile arrivare all’alba del giorno dopo a molti giocatori; a questo, si è aggiunto i vari cambi di schieramento di alcuni elementi delle due fazioni, che hanno rimescolato le carte non poco, nel corso del Live.

(dobbiamo solo evocare uno spirito guida rancoroso e dal coltello facile, cosa può andare storto?)

Il motto “Ognun per se” direi mai come stavolta ha valso l’arrivare vivo o meno in fondo alle giocate: se sopravvivi ad attacchi notturni di creature ignote, rituali potenzialmente mortali, scontri imprevisti, la campale finale che ha deciso le sorti di questa Regione (che non spoilero, così, se vorrete partecipare come giocatori, vi gusterete tutte le sorprese e trame), congratulazioni, sei sopravissuto a Vaniria. Per ora.

Ci si può divertire e godere un Live rispettando le regole?

La risposta è assolutamente Sì, per quel che ho visto.

Quasi 130 giocatori, più dei 2/3 con vaccinazione (prima o doppia dose) fatta o con Tampone fatto, green pass regolare, pochissimi quelli senza (per tempistiche o motivazioni di salute, nessuno, per quello che ho visto, aveva o ha manifestato, anche sui social, affermazioni negazioniste o complottiste sulla Pandemia), ad oggi non si sono avute notizie di contagi o casi di positività. L’organizzazione ha postato (e fatto rispettare, in game e off) un chiaro vademecum (mascherine fisse per persone senza green pass, mascherine da usare all’aperto in assembramenti e negli scontri, area mensa comune – l’unica area di gioco al chiuso – accessibile solo a persone con green pass, altrimenti pranzi e cene da consumare in esterna o nei propri alloggi e tende) che ha fatto rispettare con zelo, nonostante comunque quasi tutte le azioni e le giocate fossero all’aperto (e sferzate e ben ventilate da un venticello fresco che ha graziato la zona per tutto il Live).

(Mascherine in tema col Background del personaggio)

E posso affermare, da testimonianze raccolte dai giocatori, che nessuno si è sentito “discriminato” o “penalizzato” (per usare parole sentite troppo spesso sui social a vuoto) da queste regole, anzi molti si sono davvero goduti questi giorni di Live, complice anche la location stupenda dove è stato ambientato.

Fra Siena e Grosseto, fra fiumi termali e Buoi Maremmani

La cosa che mi piace del seguire dal vivo GDR Live, è il paesaggio e le Location che spesso ospitano questi eventi. Stavolta sono finito al confine fra Siena e Grosseto, in una Fattoria/Borgo adagiato sulle colline sopra le storiche Terme di Petriolo, sorgenti termali fluviali conosciute già ai tempi dei romani (e ancora oggi molto frequentate e apprezzate, specie dagli stranieri – attenzione, mi sono trovato gente che scendeva o veniva via dalle sorgenti persino a notte fonda, occhio quando passate in auto di notte in quelle zone), che sembrava uscita da quelle pubblicità che evocano sempre posti isolati ma stupendi in campagne perse per chilometri e chilometri (se vi interessa trascorrerci un weekend, QUI trovate i dettagli).

(fra una battaglia e l’altra, c’è tempo per sistemarsi capigliature e armature)

Intorno, oltre ai campi coltivati e Buoi Maremmani e Cinte senesi al pascolo, c’erano anche boschi dove alberi hanno probabilmente visto nei secoli le tante guerre di confine fra Comuni e Stati toscani nel corso delle epoche; la sera, non sentivi letteralmente volare una mosca (sentivi solo il canto dei grilli o dei rapaci notturni), tutto questo mi ha fatto godere ancora di più l’esperienza, oltre ad un vero toccasana e camera di decompressione dallo stress del traffico/confusione/vita urbana/periodo che abbiamo vissuto e stiamo vivendo… con il GDR Live ho scoperto posti davvero incantevoli, spesso immersi in nature incontaminate e lontani dalle grandi città e zone urbane affollate.

In conclusione, divertitevi e provate

Posso dire, alla fine dell’esperienza con questo evento, che se amate un tipo di campagna dove si alternano battaglie e scontri a prove di abilità e giochi diplomatici, Vaniria di GRV è quello che fa per voi.

Sia che siate alla vostra prima esperienza o giocate da anni e siete in cerca di nuovi stimoli e campagne, credo che un assaggio di questa Campagna possa essere di vostro gradimento.

In futuro sicuramente conto (e spero) di fare altri eventi di GRV Italia (potete reperire maggiori dettagli sull’associazione nell’articolo precedente dove presentavo l’evento, QUI), come spero di poterveli raccontare, a parole ed immagini, come fatto in questa occasione.

Al prossimo Live, dunque.

(Non fare arrabbiare gli Indovini: è una Pessima Idea…)

Foto © Enrico Bertelli “Taigermen” – 2021

E ora, fuori dalla mia palude!!! (cit.)

P.S: eventuali commenti negazionisti o complottisti legati alla pandemia, insulti o minacce saranno cancellati e gli autori segnalati e bloccati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.