Igne Tenebrae dei Secondi Figli: è un buon Giorno per Morire. E Morire. E Morire. E Morire ancora.

Lo scorso Dicembre, ultimo evento GDR/Larp Live del 2021, ho partecipato al primo capitolo di Igne Tenebrae, nuova Campagna Live dei Secondi Figli.

Benvenuti in Dark Souls

Questa nuova Campagna, creata dall’associazione toscana, si ispira, nell’ambientazione e nella trama, alla celebre Saga videoludica di Dark Soul, creata nel 2011 da Hidetaki Miyazaki.

Si è trattato di due Run (sessioni di gioco) andate in scena a Vicopisano (PI) il 18 e 19 Dicembre, che hanno visto in ogni Run (una al giorno) coinvolti un numero ristretto di persone (per le meccaniche di gioco e la situazione pandemica e le regole vigenti sugli eventi dal vivo).

(La Natura è così pucciosa in Dark Souls)

I protagonist* si sono trovati in una trama dove, per arrivare a capire cosa li avesse portati lì, ha sottoposto i partecipant* a prove di ingegno, cooperazione e risoluzione dei problemi apparsi durante il Live.

Nessun* è Innocente

Le persone coinvolte nelle due Run si sono sopratutto trovate a dover affrontare una delle caratteristiche che ha reso Dark Soul così amato fra i giocatori: la convivenza, l’accettazione e l’espiazione delle proprie colpe commesse in vita.

(Alla ricerca di risposte)

Ogni scoperta delle colpe dei membri del gruppo crea tensioni, dissapori, mina la fiducia della compagnia, ma porta anche al confronto, alla riflessione, oltre alla ricerca, da parte del giocator*, di riuscire a espiare il suo “peccato” e risolverlo.

Prima volta?

L’altra dinamica che caratterizza Dark Soul ed è ripresa anche in Igne Tenebrae è ovviamente la Morte. Come nel gioco, una scelta sbagliata, una frase sbagliata, una azione non calcolata bene, può portare alla Morte. più volte.

(Un Falò, una Chitarra, un po di Estus e la serata è garantita)

E se è vero che, finché c’è un Falò da cui tornare, si può anche fare esperienza dell’errore fatto e ricominciare sapendo cosa NON fare stavolta, ogni volta fa calare nell’Oscurità e nella perdita della poca Umanità che si ha, rischiando sempre di avvicinarsi ogni volta di più ad essere un vuoto Non-Morto senza anima e controllo.

Una Location azzeccata

Ovviamente è impossibile ricreare dal vivo le incredibili architetture del gioco, ma la Location scelta dai Secondi Figli per questo primo Capitolo era molto suggestiva: la Torre del Brunelleschi di Vicopisano, piccolo gioiello custodito dalla famiglia Fehr-Walser, che lo ha restaurato e reso visitabile negli anni 90.

Le Lunghe scalinate, i muri vissuti, le stanze bloccate nel tempo della Torre, che sembravano, grazie anche all’allestimento dello Staff dei Secondi Figli, abbandonate da secoli, hanno calato i giocator* nel Live in maniera egregia.

(La Vita è fatta di Scale)

Se potete e siete in visita nel Valdarno pisano e capitate a Vicopisano nel vostro tragitto, visitate queste vestigia e gli altri splendidi monumenti della cittadina pisana.

Una campagna interessante

Questo primo capitolo di una nuova campagna mi ha molto incuriosito, anche perché ho visto, in due Run, comportamenti e modi di risolvere i problemi dai partecipanti completamente differenti da una Run all’altra, con due finali completamente diversi (e mi sento di dire anche inaspettati), per cui sono curioso di vedere come si svolgeranno i prossimi capitoli della campagna.

Se volete Info sulla Campagna, seguite sui profili social e informatevi sui prossimi capitoli ed eventi dei Secondi Figli:

Profilo Facebook: https://www.facebook.com/SecondiFigli/

Profilo Instagram: https://www.instagram.com/secondi_figli/

Sito Ufficiale: https://www.secondifigli.org/

Foto © Enrico Bertelli “Taigermen” – 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.