Lo vogliamo davvero, un Finale?

Poco più di un anno fa, Kentaro Miura, l’autore di Berserk, ci lasciava.

Avevamo accettato, un po con rassegnazione e un po con rammarico, che l‘ultimo capitolo disegnato da Miura, fosse la “conclusione” della saga di Gatsu, Caska, Grifis e delle loro storie. Ma a un anno di distanza, ecco che ci troviamo a commentare la notizia che sembra dare per certo il proseguimento della Saga.

Ha senso?

Parto dal mio punto di vista (giù espresso a suo tempo quando parlai della morte di Miura): No, non ha senso.

Per quanto il materiale a disposizione, a detta di chi sembra prenderà in mano il progetto, fra script e bozze di sceneggiature e personaggi, non manchi, non sarà mai il lavoro originale dell’autore.

E i precedenti non sono molto incoraggianti: basti pensare al proseguimento delle avventure di The Spirit di Eisner portato avanti da Frank Miller (e della poco riuscita trasposizione live action girato dallo stesso), o in italia, al tentativo di proseguire le Sturmtruppen di Bonvi (disegnate de Ortolani e Clod, durato poco tempo) o le nuove avventure di Corto Maltese (da differenziare con le nuove avventure del Corto originale, del duo Canales/Pellejero) di Pratt.

Meglio lasciare tutto incompiuto?

Chi mi conosce sa quanto mi rode, ancora oggi, sapere probabilmente che non vedremo mai la fine di Bastard! di Hagiwara (che attendo dal 2010, ma nel frattempo, Netflix ci farà una serie – autoconclusiva? – animata) e quanto mi piacerebbe vederla, almeno per poter dire “sono soddisfatto” o “è una merda”. Quindi, giustamente, potreste dire “allora io posso desiderare di veder Berserk finito?”.

Certo che puoi, ma la differenza fra Hagiwara e Miura, è che Hagiwara è vivo e gli basterebbe muoversi a finire di scrivere un finale adeguato; Miura purtroppo ci ha lasciato e, per quanto abbia lasciato un sacco di materiale, chi intende proseguire la sua opera, non potrà mai sopperire in tutto a Miura.

Allora meglio lasciare tutto com’è, con quel ultimo episodio scritto da Miura che sembra un buon finale “aperto” e interpretativo, per chi legge, come vuole, la saga e i destini dei suoi autori.

(L’ultimo capitolo di Berserk raccontato dal Trono del Muori)

Io avrei fatto carte false per vedere tanti progetti, di cinema, fumetti o serie tv non portate a termine da tanti autori o mai iniziate e rimaste solo come idee (penso alla Leningrado di Leone o Big Numbers di Moore e Sienkiewicz), ma mi dico che, nelle mani di altri, non sarebbero la stessa cosa; tuttavia, capisco i fan che vogliono vedere portare a conclusione o in opera una serie o un film o un fumetto che inseguono da anni e che hanno solo immaginato o sognato, di vederne la fine.

Solo il tempo, dal 24 Giugno, data prevista della ripartenza di Berserk, ci saprà dire se è stata una scelta buona o no.

3 Comments

  1. Ok, qui si parte con una discussione veramente complessa e difficile. Io sono un grande amante di Berserk, ormai lo seguo da 10 anni e mi ha sempre incantato per la sua storia, i suoi personaggi complessi e i disegni incredibili. La morte di Miura è stato un duro colpo e anch’io ero del parere di lasciar stare quest’opera. Poi invece, dopo molto tempo, hanno deciso di continuare. Allora, la questione è spinosa, però credo proprio che il lavoro che lo Studio Gaga stia facendo non sia semplicemente per guadagno. Stiamo parlando di Berserk, uno dei manga più importanti della storia, un manga che ha segnato il panorama fumettistico. Portare avanti un progetto simile è un lavoro immane, qualcosa di veramente pesante in cui non si può sbagliare assolutamente nulla.
    Da quel che ho visto fino a questo momento, lo studio Gaga sta facendo un ottimo lavoro. I disegni in certi punti sembrano Miura al 100%, anche se si può vedere che in realtà mettono molto del loro stile (negli occhi, nel naso e nelle orecchie) e anche la composizione è qualcosa di molto differente da quello che avrebbe fatto Miura. Però posso ritenermi soddisfatto per il momento.
    Più che altro, visto che il lavoro del maestro viene portato avanti da altri, mi piacerebbe che mettessero una specie di sottotitolo a Berserk, come a indicare che quest’opera comunque non è completamente di Miura. Ovviamente per il momento abbiamo visto poco, ma la curiosità è veramente tanta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.