Il Giorno della Memoria, anche per chi fa finta di averla

(Foto © RAI 2017)

Come ogni 27 Gennaio, oggi ricordiamo la Liberazione di Auschwitz, come giorno in cui ricordiamo la Shoah. 

Continua a leggere

Annunci

Il Giorno della Memoria, per gli smemorati di Oggi (che vogliono ripetere gli errori di Ieri)

(Foto © Regione Toscana 2018)

Il 27 Gennaio, Giorno della Memoria, il giorno in cui ricordiamo, con la Liberazione del Lager di Auschwitz e la scoperta della loro esistenza, uno dei punti più bassi raggiunti dal genere umano.

Nel 2018, scopriamo quanto sia ancora importante la Memoria, le testimonianze, il ricordo di quella pagina terribile, in una società che sembra far riemergere fantasmi che speravamo essere scomparsi.

Continua a leggere

Perché è importante la Memoria, Oggi più che mai

(Foto © RAI 2017)

(Foto © RAI 2017)

Oggi é il Giorno della Memoria, in cui ricordiamo il 27 Gennaio del 1945 la liberazione del Lager di Auschwitz in Polonia da parte dell’Armata Rossa.

Sono passati 72 anni da quel giorno, cerimonie, associazioni, luoghi, incontri e studi sull’Olocausto abbondano, eppure nonostante questo, ancora sembra che non abbiamo appreso appieno questa triste pagina di storia.

Continua a leggere

perchè si arrivò alle Foibe?

(Una foto del Mausoleo della Foiba di Basovizza)

(Una foto del Mausoleo della Foiba di Basovizza)

Molto spesso negli anni si sono innescate polemiche legate alle origini delle azioni che portarono fra il 43 e il 45 alla triste vicenda delle Foibe e al successivo Esodo Dalmata-Istriano.

Quali furono i motivi storici dietro alle esecuzioni sommarie degli italiani in Istria e Dalmazia? quali furono i fatti che portarono a far riannettere alla nascente Jugoslavia Istria e Dalmazia?

Continua a leggere

Perchè Ogni anno…..

(Le Insegne dei Prigionieri dei Lager tedeschi - Archivio Federale Tedesco)

(Le Insegne dei Prigionieri dei Lager tedeschi – Archivio Federale Tedesco)

“ma perchè ogni anno celebrate solo l’Olocausto e non dite mai nulla di “inserire altra tragedia a piacimento” eh?”

E’ la frase che ogni anno leggiamo o sentiamo da chi sente la spasdomica necessità di ricordare che esistono altri genocidi nella Storia e che, a suo giudizio, quello che conosce LUI è PIU’ GRAVE dell’Olocausto.

Continua a leggere